mercoledì, Settembre 22, 2021
HomeNews ed eventiAcquacoltura biologica una sfida del futuro

Acquacoltura biologica una sfida del futuro

Testimonianze della pratica dell’allevamento dei pesci da parte dell’uomo ci giungono già dallo studio della civiltà egizia. L’acquacoltura è la produzione di organismi acquatici, realizzata in acque marine (maricoltura), dolci, salmastre. L’acquacoltura si distingue in: estensiva, intensiva, semi-estensiva.

Si è parlato di itticoltura durante il convegno “Biologico dal campo alla tavola: innovazione ricerca nelle Marche” tenutosi il 5 maggio scorso e organizzato da Cluster Agrifood Marche con la collaborazione di Fondazione Cluster Marche, tutti gli Atenei e i principali Enti di ricerca del territorio. Durante il webinar, incentrato sul ruolo della ricerca nel comparto agroalimentare bio regionale e sulle sfide che la ricerca e le imprese dovranno affrontare nel prossimo futuro, ha parlato “di Prospettive di crescita e innovazione per l’acquacoltura delle Marche” Gian Marco Luna del CNR

Le stime lasciano prevedere che il ricorso al consumo dal mare sarà in costante aumento negli anni futuri e sarà imprescindibile il ricorso all’acquacoltura. La sfida sarà tenere conto delle criticità, quali l’utilizzo di farmaci, l’impatto ambientale, la sostenibilità. Altre controindicazioni sono state individuate nell’impatto visivo delle vasche e nella sottrazione di spazi alla pesca tradizionale.

In Italia sono stati fatti importanti studi pilota per ridurre l’impiego della plastica, sperimentando materiali alternativi, e per migliorare la pratiche per rendere questa attività il più circolare possibile, studiando ad esempio il reimpiego degli scarti, che possono diventare additivi per altre industrie.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments