Agripress per gli itinerari sui prodotti tipici e artigianato locale

0
112

Ad Ancona è stato presentato il centro commerciale naturale Terre D’Italy , un progetto nuovo che abbina le caratteristiche del portale di informazione turistica, lo shopping online e il cash back

Il centro commerciale naturale è stato presentato all’assessore al commercio del comune di Ancona Angelo Eliantonio da Filippo Agostini di Motiva, già ideatore del progetto pilota Fano al Centro e da Gianni Moreschi di Agripress. Il progetto prevede la creazione di un centro diffuso nella città fatto di punti vendita e di attività artigianali. Attraverso questo progetto gli imprenditori possono partecipare, insieme, alla creazione di un soggetto diffuso sul territorio che può attivare una serie di servizi a favore dei consumatori. Al Centro, infatti, sono unite alcuni tools e App che migliorano la fedeltà dei clienti creando canali di comunicazione e un sistema di cash-back con card fisica ed in formato digitale.

L’app di Terre d’Italy può essere scaricata da Apple e Google Play

Soprattutto nel Nord Italia e principalmente in regioni come la Lombardia, il Veneto e l’Emilia Romagna i centri si sono diffusi grazie alla flessibilità della formula e alla necessità di contrastare il declino dei negozi e delle attività che non sono di grandi dimensioni. Gli imprenditori non possono investire grandi somme nel marketing e negli strumenti tantomeno pagare risorse umane che possano sviluppare politiche commerciali integrate.
Agostini di Motiva e Moreschi di Agripress hanno presentato la politica di marketing, il sistema di comunicazione e di fidelizzazione che sono alla base delle attività svolte per i punti affiliati. Con il Centro ogni singolo imprenditore può partecipare in team e accedere a tutte le attività: azioni di digital marketing, comunicazioni sui vari canali utilizzati compresi i social ed il cellulare, creazione di contenuti dedicati ai gruppi di consumatori e clienti. Uno staff di professionisti si occuperà di questi servizi creando contenuti e attivando eventi sia fisici sia multimediali.
Dal punto di vista del turismo e di attrazione sono previsti gli itinerari alla scoperta dei produttori e delle loro tradizioni, incontri per conoscere in “diretta” attraverso visite e tour guidati per chi vuole fare esperienze dirette ed essere anche protagonisti in sessioni dedicate. Rientrano in questo settore gli itinerari alla ricerca del gusto e degli antichi mestieri.
“I centri naturali – ha detto Gianni Moreschi di Agripress – sono solo la parte terminale delle filiere della produzione.
Nell’alimentare abbiamo una lunga storia di tipicità e nell’artigianato una lunga tradizione nella nostra regione.
Creare una filiera è importante per il turismo e per l’offerta dei centri che possono cosî puntare sulla storia, tradizione e tipicità. Tutto questo può partire anche dall’iniziativa dei centri naturali”.
Ad Ancona, ad esempio, ci sono tre centri naturali che raggruppano molti punti vendita e che sono sensibili ai temi trattati. “Il fenomeno dei centri naturali si sta affermando in Italia – ha detto Filippo Agostini – ed è bene per noi non perdere questo treno. Soltanto se i punti vendita e le attività artigianali dei centri si mettono insieme si possono realizzare quei servizi informatici, di marketing, di cash-back e digitali che sono fuori delle possibilità dei singoli.
Dove i centri si sono dotati di questi strumenti, come nel caso del centro naturale di Fano, si stanno raggiungendo importanti risultati”.
Del resto i centri naturali possono combattere ad armi pari contro la gdo ed avere anche piû motivi di fidelizzazione con i consumatori se si tiene conto del territorio.
Il centro si sta rivelando un attrattore nei confronti non solo delle attività commerciali ed artigianali. Anche i produttori di servizi come professionisti e multiutility vedono in questo tipo di aggregazione un’opportunità per integrare i propri business. Si tratta di un nuovo canale che va opportunamente presidiato e utilizzato per sviluppare nuove politiche di aggregazione anche con l’utilizzo delle tecnologie digitali.

Un progetto pilota è stato già avviato a Fano con il nome di Fano al centro

Angelo Eliantonio – Biografia
Dipendente pubblico, impegnato politicamente dall’età di 14 anni. Dopo la rappresentanza studentesca in Azione Giovani e il movimentismo giovanile ad ogni livello nella Giovane Italia prima e in Gioventù Nazionale poi, dal 2016 al 2022 è stato il Coordinatore comunale di Fratelli d’Italia. Consigliere comunale dal 2019 al 2023 e Capogruppo di Fratelli d’Italia. Membro della Commissione Cultura, Sport, Turismo, Teatri, Ambiente, Politiche giovanili e Movida e Sviluppo economico, Commercio, Centro storico, Impresa e Start Up dal 2019 al 2023. Dal 2021 ad oggi è stato il Responsabile della Segreteria del Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.