Viaggio per l’Umbria: più “Umbria”

Viaggio per l’Umbria dei prodotti tipici

L’Umbria dei prodotti tipici, così come quella dei paesaggi e della Storia, si divide in più “Umbria”: quattro, cinque almeno, ma poi anche all’interno delle macrodivisioni le differenziazioni sono tante, sì da imprimere a un viaggio in Umbria o “per” l’Umbria– reale o semplicemente “di gusto” – un’andatura lenta e a piccole tappe, borgo per borgo, collina per collina.

L’ALTA VALLE DEL TEVERE

alta valle del tevere Citerna_panoramikNel viaggio per l’Umbria dell’alta valle del Tevere i paesaggi sono quelli che incantarono il giovane Raffaello Sanzio, che qui dipinse, per la locale chiesa di San Francesco, lo Sposalizio della Vergine (ora a Brera).

Salsicce, “mazzafegati” (salsicce di frattaglie molto speziate), porchetta le prelibatezze; poi funghi e tartufi in autunno. I suddetti prodotti si possono acquistare in numerose macellerie e negozi del centro storico e dei dintorni. Nei ristoranti tipici da non perdere le tagliatelle con le “rigaglie” di pollo, ma anche gli eccezionali (quando fatti a dovere) cappelletti in brodo. A Pasqua torta al formaggio con capocollo, a Carnevale crostini “briachi” (ubriachi), con alchermes, mandorle e cacao (e altro, ma la ricetta è un segreto).

I PAESI DELL’APPENNINO: GUBBIO, NOCERA, GUALDO TADINO

gubbio-veduta-panoramicaIn un viaggio per l’umbria dei pesi dell’Appennino si incontrano alcune delle città medioevali più belle del mondo. Una storia suggellata dagli scorci delle sue vie e piazze, e dalle “tavole” conservate al museo cittadino, prima testimonianza scritta della lingua che è oggi l’Italiano. Norcineria, tartufi, tagliatelle e cacciagione: la cucina locale è gustosamente montanara. Da provare anche le tante birre artigianali, prodotte con le meravigliose acque sorgive della zona.

IL LAGO TRASIMENO

E’ la terra del Perugino, che in zona ha dipinto tante delle sue opere. Pesce di lago, ma anche un olio d’oliva di altissima qualità, e paesaggi incantevoli, con i borghi di Passignano e Magione sospesi sopra lo specchio d’acqua. Ottimo anche il vino dei Colli del Trasimeno doc. Torta al testo e prosciutto. A Pasqua torta al formaggio con capocollo.

LA VALLE UMBRA

Assisi-skylineAssisi, Spello, Cannara, Foligno: terre di olio meraviglioso, verde intendo alla spremitura. Olio da intenditori. E vino eccezionale, con le viti coltivate sui dolci colli sui quali predicò San Francesco. Le basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli, le Fonti del Clitunno, i borghi di Spello e di Trevi, Cannara con le sue meravigliose cipolle (quelle schiacciate, da arrostire, sono uno spettacolo). Su, in cima a una collina c’è poi Montefalco, patria del grande Sagrantino, vino italiano conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, robusto e di grande eleganza.

Festa-Cipolla-Cannara-2015-590x324TERNI – LA VALNERINA – NARNI/AMELIA

Tartufi e norcineria, e un grande itinerario sulle tracce di San Benedetto da Norcia. Terni, acciaio e dintorni incantevoli come la Cascata delle Marmore e il lago di Piediluco. E poi lo stupendo sito archeologico di Carsulae, e Amelia e la sua città sotterranea… a Natale pampepato.

Andrea Niccolini

Leave a Comment

*