venerdì, Luglio 30, 2021
HomeNewsQuali saranno i trend per il settore food and wine per i...

Quali saranno i trend per il settore food and wine per i prossimi mesi? Quanto e come la Covid- pandemia cambierà le abitudini?

Quali saranno i trend per il settore food and wine per i prossimi mesi? Quanto e come la Covid- pandemia cambierà le abitudini? Come  avviare trend virtuosi e mostrare relienza ed adattamento proattivo nel nuovo panorama disegnato dalla pandemia?

Secondo una ricerca il trend prevalente da parte dei produttori sarà l’incoraggiamento a riprendere le abitudini pre- pandemia e a proporre cibi, bevande e ricette come soluzioni per ritrovare convivialità ed allegria. L’intento sarà assecondare il desiderio di recuperare gli interessi pre-pandemici, i viaggi, i pranzi e le cene fuori in compagnia, la condivisione di cui siamo stati privati.

I Brand si ritroveranno tuttavia ad affrontare la sfida di proporre un nuovo concetto di fiducia, sicurezza, qualità e sostenibilità, che rappresenti anche la possibilità di riaffermare una nuova identità attraverso il cibo.

Ci si orienterà verso la ricerca e verso formulazioni innovative di cibi e bevande che offrano soluzioni per il benessere mentale ed emotivo e che creino una rinnovata base per un’alimentazione sana.

La pandemia infatti ha aumentato l’attenzione verso l’importanza del valore nutrizionale del cibo e i suoi effetti sulla salute.

I consumatori cercheranno cibi e bevande con ingredienti più funzionali che si propongano di aiutare le persone a concentrarsi, rilassarsi e alleviare (o idealmente prevenire) i problemi di salute fisica ed emotiva.

I trend fgood and wine post pandemia: focus sulla salute fisica ed emotiva Focus sulla salute mentale ed emotiva

Il trend atteso quindi è sempre più volto a favorire i marchi che si posizioneranno in modo attento e consapevole verso le scelte di ingredienti con alto numero di nutrienti benefici rispetto al numero di calorie. Ci si attende anche attenzione verso prodotti che aiutino a ridurre il consumo di alcool.

I consumatori si aspettano la conferma che le formulazioni per la salute mentale ed emotiva funzioneranno come pubblicizzato. Le aziende possono condividere prove di esperti sanitari o risultati della ricerca scientifica. I consumatori e gli enti di sanità pubblica useranno la tecnologia per monitorare, convalidare e incentivare un’alimentazione sana

Le persone tendono a concentrarsi sui propri bisogni durante le recessioni, ma il COVID-19 ha anche rivelato la necessità di sostenere gli altri esseri umani. Marchi e rivenditori hanno l’opportunità di lanciare prodotti a un prezzo appropriato con affermazioni etiche o ambientali o prodotti “valore con valori”. Un impegno importante sarà quello di creare prodotti nutrizionali a prezzi accessibili che espandano l’accesso a cibi sani. “Value with values” consente anche aumenti di prezzo moderati se sono accompagnati da spiegazioni di come “il prezzo è correlato alla qualità, alla sicurezza o alla RSI”.

Marchi, rivenditori e attività di ristorazione possono seguire il modello del marchio francese C’est qui le patron?!, che fornisce ai consumatori informazioni sulle caratteristiche e sul prezzo del prodotto. Il suo latte costa 0,30 € in più per l’origine francese, il benessere degli agricoltori e altre richieste.

Tra le lezioni durature da COVID-19 ci sarà un’aspettativa universale di igiene e sicurezza, specialmente nella vendita al dettaglio e nella ristorazione. I consumatori vorranno innovazioni senza contatto, inclusi carrelli per la spesa intelligenti senza mani e imballaggi che limitano il contatto diretto con le mani durante il consumo. Con la ripresa dei mercati, i consumatori saranno aperti alla convenienza esperienziale sotto forma di acquisti di generi alimentari online o offline che informano e intrattengono.

Un’opportunità da considerare sarà creare comunità dove i consumatori possono formare nuove connessioni. I consumatori infatti cercheranno modi per creare connessioni autentiche con altre persone che condividono i loro valori.
L’ispirazione può essere trovata nello sport, abbigliamento e altri settori che ospitare eventi o creare comunità dove i fan possono celebrare il loro passione con altre persone. Cibi,  bevande e i marchi di servizi di ristorazione possono creare
spazi fisici e online che uniscano i consumatori. Gli hub online possono offrire l’e-commerce così come le reti che introducono gli uni agli altri i fan del marchio.

Il social commerce sarà un nuovo modo per capitalizzare la comunità, dato che l’e-commerce interattivo offre nuovi modi per riunire le persone. I marchi di cibo ne bevande possono adottare modelli di commercio, in cui l’esperienza di acquisto è condivisa con
altri acquirenti e amici. Questo modello ha avuto successo in Cina, come mostrato dall’app di acquisto sociale Pinduoduo. L’app mira a replicare l’esperienza condivisa dello shopping di persona con gli amici. Pinduoduo invita gli utenti a condividere offerte da una
gamma di categorie con il loro amici. Viene attivato un prezzo inferiore quando un numero specifico di persone è interessato all’acquisto del prodotto.
Nei prossimi anni  i marchi possono espandere online i modelli social e ospitare di persona eventi in cui un gruppo selezionato di fan sono invitati a ritirare l’edizione limitata di acquisti o condividere online l’esperienza di menu condivisi insieme.

Un esempio: i creatori dell’elettrodomestico da cucina Instant Pot mostrano un modello per come creare comunità online di super utenti che condividono ricette e suggerimenti, anche indipendente dal marchio.

Molti, e quindi anche i consumatori brameranno opportunità per socializzare lontano dagli schermi, per quanto possibile. Cibo, bevande e i marchi della ristorazione possono creare luoghi o opportunità  in cui i consumatori possono (in modo sicuro) incontrarsi di persona e formare connessioni significative.

Organizzare comunità per fare la differenza

In futuro, le aziende avranno l’opportunità di connettersi maggiormente con i loro consumatori e di restituire alle loro comunità feedback attesi. I consumatori vedono le aziende come enti che hanno il potenziale per fare la differenza nel mondo, come osservato dal 2030 Food and Drink Trend Change, Incorporated. Eppure poche persone credono effettivamente di poter creare personalmente il cambiamento. secondo un’indagine Mintel del 2019 solo il 26% dei consumatori statunitensi vede se stesso come in grado di fare la differenza e giusto il 16% pensa di avere le capacità per cambiare il mondo. I marchi possono utilizzare le loro risorse e la loro reputazione per aiutare i consumatori agendo su importanti cause, anche localmente, con effetto in termini di marketing che può andare oltre il locale. Durante il COVID-19 sono state numerose le aziende che hanno collaborato con programmi di aiuto alle loro comunità. Mettendo al centro dell’attenzione il locale. le aziende possono aiutare a ravvivare il focus su temi di portata globale. Simile è l’effetto ad esempio ottenuto finanziando aziende agricole che si stanno convertendo a pratiche sostenibili nel paese di origine del prodotto. Anche patrocinare concorsi artistici è un modo per supportare le comunità e la cultura, si veda l’esempio del concorso Carapelli for Art, giunto alla quarta edizione

Celebrare le passioni uniche delle persone

Il trend individutao dalle ricehe mostra che i marchi di alimenti, bevande e servizi di ristorazione supporteranno e faranno entrare in contatto persone che usano cibo e bevande per esprimere sfaccettature della propria personalità e trovarne di nuove o per avere occasioni di condividere e sperimentare i loro hobby. I prossimi 12 mesi saranno il momento cruciale per  consolidare la percezione di cibo e bevande come parte fondamentale della propria identità dopo l’ascesa del cibo come sbocco creativo a cui abbiamo assistito nell’epoca pre-Covid. Creare comunità intorno ad interessi comuni, favorire la socializzazione el’incontro di nuove persone sarà una delle opportunità che i marchi avranno nella nuova epoca. Sia online che di persona, le aziende possono connettersi
con i singoli consumatori intorno alle loro passioni e creare forum per interazioni significative e coinvolgenti.

Mobilitare i consumatori per fare del bene

I marchi di alimenti, bevande e servizi di ristorazione possono agire come facilitatori che aiutano i consumatori a diventare parte del cambiamento che vogliono vedere nel mondo. I marchi attireranno attenzione positiva orientando le proprie risorse sulla possibilità di organizzare i consumatori e di agire nelle comunità locali e globali.

Per il testo integrale della relazione https://downloads.mintel.com/private/jcZU4/files/852695/

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments