domenica, Maggio 22, 2022
HomeIn evidenzaLa dieta che protegge il cervello dall'Alzheimer

La dieta che protegge il cervello dall’Alzheimer

Cosa mangiare per proteggersi dall’Alzhaimer? Una ricerca recentemente pubblicata suggerisce che una dieta specifica chiamata dieta MIND può ridurre l’incidenza di malattie del cervello che aumentano il rischio di una persona di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Il recente studio mostra che la dieta MIND ha ridotto il rischio di Alzheimer fino al 53% nei partecipanti che hanno seguito rigorosamente la dieta e di circa il 35% in coloro che l’hanno seguita moderatamente bene, secondo un documento pubblicato online il 19 marzo dalla rivista Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association.

Sviluppata da Martha Clare Morris, PhD, epidemiologa nutrizionale Rush e dai suoi colleghi, la dieta MIND è un ibrido delle diete Mediterranea e DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension- Approccio dietetico per ridurre l’ipertensione). È stato scoperto che entrambe le diete riducono il rischio di malattie cardiovascolari, come ipertensione, infarto e ictus. Alcuni ricercatori hanno scoperto inoltre che sia la dieta Mediterranea che DASH sembrano fornire protezione anche contro la demenza.

Morris evidenzia anche che la dieta MIND inoltre è anche più facile da seguire rispetto, ad esempio, alla dieta mediterranea, che prevede il consumo giornaliero di pesce e da tre a quattro porzioni giornaliere di ciascuna frutta e verdura.

Cosa fa bene al cervello, cosa no?

La dieta MIND individua 15 componenti dietetici, di cui 10 sono riconosciuti come “gruppi di alimenti sani per il cervello”, che sono i seguenti:


Verdure a foglia verde
Altre verdure
Noccioline
Frutti di bosco

Fagioli
Cereali integrali
Pesce
Pollame
Olio d’oliva
Vino

I cinque gruppi malsani invece sono:

Carni rosse
Burro e margarina a bastoncino
Formaggi
Dolci
Fritto o alimenti tipo fast food

Secondo la dieta MIND occorerebbe includere ogni giorno nella dieta quotidiana almeno tre porzioni di cereali integrali, un’insalata e un’altra verdura, insieme a un bicchiere di vino. Implica anche fare spuntini quasi tutti i giorni a base di noci e mangiare fagioli a giorni alterni circa, pollame e frutti di bosco almeno due volte a settimana e pesce almeno una volta alla settimana.

Secondo lo studio condotto da Morris le persone a dieta devono limitare il consumo dei cibi malsani inclusi nel secondo gruppo, in particolare burro (meno di 1 cucchiaio al giorno), formaggio e cibi fritti o fast food (meno di una porzione a settimana per uno qualsiasi dei tre), per avere una possibilità reale di evitare i devastante effetti dell’Alzheimer.

Mirtilli e frutti rossi

I mirtilli sono l’unico frutto specificamente incluso nella dieta MIND. “I mirtilli sono uno degli alimenti più potenti in termini di protezione del cervello”, ha detto Morris, e anche le fragole hanno ottenuto buoni risultati negli studi passati sull’effetto del cibo sulla funzione cognitiva.

“Una delle cose più interessanti di questo è che le persone che hanno aderito anche moderatamente alla dieta MIND hanno avuto una riduzione del rischio di sviluppare il Morbo di Alzheimer”, ha detto Morris. “Penso che motiverà le persone”.

Morris e i suoi colleghi hanno sviluppato la dieta MIND sulla base delle informazioni accumulate da anni di ricerche passate su quali alimenti e sostanze nutritive hanno effetti positivi e negativi sul funzionamento del cervello nel tempo. Questo è il primo studio che mette in relazione la dieta MIND con il morbo di Alzheimer.

Il morbo di Alzheimer, che ha un effetto devastante sulla funzione cognitiva, è assimilato alle malattie cardiache in quanto sembrano esserci “molti fattori che giocano in chi si ammala”, comprese le componenti comportamentali, ambientali e genetiche, ha detto Morris.

“Nei casi di Alzheimer a esordio tardivo, osservato nel gruppo di persone più anziane, i fattori di rischio genetici sono una piccola parte del quadro. Studi passati hanno prodotto prove che suggeriscono che ciò che mangiamo può svolgere un ruolo significativo nel determinare chi sviluppa l’Alzheimer e chi no”, ha detto Morris, secondo la quale lo studio condotto dimostrerebbe che ” le persone che seguono questa dieta in modo coerente nel corso degli anni ottengono la migliore protezione”.

In altre parole, sembra che più a lungo una persona segue la dieta MIND, minore sarà il rischio che la persona avrà di sviluppare l’Alzheimer. Come nel caso di molte abitudini legate alla salute, incluso l’esercizio fisico, sembra confermato che : “Sarai più sano se fai la cosa giusta da molto tempo”.

Lo studio è stato finanziato dal National Institute on Aging. Frank M. Sacks MD, professore di prevenzione delle malattie cardiovascolari, Dipartimento di nutrizione, presso la Harvard School of Public Health ha presieduto il comitato che ha sviluppato la dieta DASH.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

*

Most Popular