Tecnoblend: gelato etico innovativo

Terra di confine. A un chilometro dal confine con la provincia di Taranto, a un chilometro con la provincia di Bari e per un chilometro dentro quella di Matera sorge un miracolo del food italiano. Raffaele Nicoletti ci accoglie nella sua azienda, pulita, ordinata con grosse finestre che danno sul paesaggio circostante. Lui che ha iniziato con la commercializzazione di ingredienti funzionanti nel 1989 è passato alla produzione di semilavorati per la gelateria.

Prima una linea di prodotti senza lattosio poi, due anni fa, la linea biologica Biogood e poi la linea Vegana.

La visita alla sua azienda è stata fatta nell’ambito di un educational tour promosso nell’ambito del programma di Oasi, Regione Puglia, Unioncamere e CI.BI Consorzio Italiano per il biologico.

“Siamo coscienti che è una strada difficile – dice Nicoletti – perchè ci sono resistenze al cambiamento, ma stiamo convincendo i nostri clienti artigiani gelatai e pasticcieri a mettere in evidenza anche questo prodotto. Una volta che il vegano è in vetrina e viene acquistato le diffidenze vengono superate rapidamente”.

Anche la formazione è utilizzata da Tecnoblend come una leva per l’innovazione e per far conoscere i nuovi prodotti. In azienda ci credono tant’è che centinaia di artigiani, ma anche neofiti affrontano giornate di studio in aula. Con soli due giorni si può imparare a fare il gelato, ma poi ci sono gli aggiornamenti e gli upgrade.

Quello che Raffaele Nicoletti dice sul futuro del prodotto è davvero innovativo: ” nel 2050 mangeremo frutta e verdura, perché per produrre un chilo di carne occorrono diverse migliaia di litri d’acqua, un lusso che il pianeta non si può permettere. Mangiare e gustare prodotti vegani è etico e compatibile con l’ambiente e noi lo abbiamo reso anche gustoso e buono”. Se non è visione questa!

A proposito di ricerca e innovazione si possono gustare i pistacchi lucani, unici e intensi. Ci hanno fatto anche un Consorzio. Li abbiamo assaggiati e abbiamo sentito direttamente cosa significa quello che dice Nicoletti: sostenibile e gustoso e bello sono tre facce di un’unica concetto: mangiare è buono e soprattutto etico.

Sito Tecnoblend

 

Leave a Comment

*