Fiori di zucca dell’Agropontino, supplì e frittini.

Ecco l’azienda italiana che ogni giorno “sforna” centocinquantamila fiori di zucca panati a mano. Si chiama Garbo Surgelati e si è specializzata nelle pastelle senza glutine. Oltre ai fiori di zucca, i supplì e i prodotti tipici della cucina romana, come la salvia fritta.

Il suppli di riso nella sua preparazione classica è fatto di riso freddo al ragù di carne, uova, parmigiano e inserendo al centro un pezzetto di mozzarella che con la cottura conferisce la tipica caratteristica del cuore filante. Viene impananto e passato nell’uovo poi viene fritto, ma se surgelato può invece poi essere cotto anche al forno.

Nata nella pianura Agropontina, territorio di origine dei famosi suppli di riso, la storia dei surgelati Garbo è una storia di imprenditoria familiare e di prodotti che ricordano quelli fatti in casa, con materie prime biologiche e selezionate. Per le verdure vale la regola della filiera corta e provengono dalla pianura Agropontina  mentre i filetti di salmone e quelli di pesce azzurro arrivano direttamente dal mare del Nord, nel rispetto della migliore tradizione legata al consumo di queste varietà.

suppliL’azienda, di cui quest’anno si festeggiano i 25 anni di attività, è stata fondata dalla famiglia Comanducci  che l’ha vista crescere, partendo da un piccolo laboratorio.

La storia dell’azienda Garbo è dunque una bella storia tipica dell’imprenditoria agroalimentare dell’Italia. Nasce infatti come un laboratorio artigianale che via via ha aumentato clientela e produzione. Inalterato è rimasto il modo di produrre artigianale, con un’attenta selezione delle materie prime e degli ingredienti e dove gran parte delle fasi sono manuali. A mano vengono anche preparati i fiori di zucca, che vengono pastellati.

I prodotti tipici della cucina romana oggi anche surgelati senza glutine

Quest’anno a giugno è stata festeggiata anche l’inaugurazione del nuovo grande stabilimento a Formello (Roma)  con un nuovo impianto e completamente dedicato ai surgelati senza glutine. I prodotti tipici della cucina romana pastellati e panati, surgelati e senza glutine, completano la gamma e vanno a soddisfare la domanda di un settore che registra attualmente una domanda crescente di prodotti tradizionali ricchi di sapore ma privi di glutine.

olive all'ascolana prodotte anche senza glutine
Nel corso del tempo ai suppli di riso si sono affiancati altri prodotti e adesso la gamma comprende numerose referenze, tra cui anche alcune dolci.

Restando invece nel salato tra i prodotti impanati ricordiamo le olive ripiene all’ascolana, gli arancini di riso sicilani, con mozzarella e l’aggiunta di ragu con funghi e piselli oppure solo pomodoro, le mozzarelline, le crocchette di patate e i bocconcini di melanzana.

Tra i pastellati troviamo i fiori di zucca – classici, alla mozzarella e prosciutto cotto oppure con mozzarella e alici – il baccalà, le verdure miste e infine la profumata salvia fritta.

Gli arancini sono prodotto tipico della Sicilia, dove da zona a zona varia il ripieno. Nella zona di Palermo e Trapani si usa prepararli  il 13 dicembre per festeggiare Santa Lucia. Le olive ascolane, a loro volta, sono una specialità tipica di Marche ed Abruzzo.

I prodotti vengono surgelati senza conservanti e conservano freschezza e caratteristiche organolettiche inalterate. Possono essere cotti al forno ma dopo le recenti relazioni mediche che  hanno rassicurato sul consumo di frittura a patto di rispettare alcune regole basilari (come controllare l’olio, che deve essere di oliva, meglio se extravergine, oppure di semi di arachidi o girasole e a temperatura fra i 160 e i 180 gradi) possiamo sentirci liberi di gustare questi piatti tradizionali, fritti e panati con…. Garbo.

baccala

 

Leave a Comment

*